Flash News: Edilizia

03/07/2020 - La posa dell’intonaco, sui muri di nuova realizzazione, segna il passaggio dalla fase a rustico a quella di finitura. La percezione del cantiere cambia completamente. Infatti, difficilmente si realizza la dimensione effettiva degli spazi con i muri a rustico incisi di tracce e sporchi di residui di malta, colla, boiacca o altre macchie di cantiere, tutto appare più piccolo e cupo. L’intonaco “coprendo” la scabrosità tipica delle lavorazioni a rustico, ridà una percezione verosimile degli spazi.   L’intonaco altro non è che una malta composta da inerte e legante. A seconda del legante utilizzato si avrà: intonaco a base di gesso, intonaco a base di calce (idrata o idraulica) e intonaco a base cementizia. Come per il massetto anche gli intonaci possono essere della tipologia tradizionale, ossia impastati in cantiere, o premiscelati, ossia un’unica miscela già pronta. Ma qual è..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/07/2020 – L’Umbria ha destinato oltre 10 milioni di euro, per il triennio 2021 -2023, per realizzare interventi di efficientamento energetico del patrimonio immobiliare pubblico.   La Giunta regionale, infatti, nell’ottica di una transizione verso la “low carbon economy”, ha approvato i criteri per la selezione, mediante bando pubblico, di interventi di efficienza energetica che consentiranno di ridurre i consumi energetici, i relativi costi che gravano sui bilanci degli Enti proprietari e di contenere le emissioni a beneficio della qualità dell’ambiente.   Efficienza energetica: il bando dell’Umbria Gli interventi potranno essere realizzati su edifici quali scuole, uffici, strutture sportive, ricreative, culturali, sociali oltre che residenziali pubbliche.   Il bando finanzierà, nella misura del 100% dei costi ammissibili, interventi distinti in due categorie: - interventi di piccole dimensioni, il cui..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/07/2020 - La figura del Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione sul lavoro è diventata ancora più cruciale nel periodo di gestione dell’emergenza sanitaria, e lo sarà ancora di più nei prossimi mesi, in cui è fondamentale non abbassare la guardia nelle misure di contenimento del virus.   Per fornire elementi utili a tutti i soggetti coinvolti nella gestione della salute e sicurezza per espletare al meglio la loro funzione, UNI Ente Italiano di Normazione e Consiglio Nazionale degli Ingegneri hanno pubblicato la prassi di riferimento UNI/PdR 87:2020 “Servizio prevenzione e protezione - Attività tipiche del servizio di prevenzione e protezione così come previsto dall’art. 33 del D.Lgs. 81/2008”.   Sicurezza sul lavoro: da UNI e CNI le linee guida  La prassi di riferimento costituisce un importante punto di riferimento per il datore di lavoro e per tutti i soggetti coinvolti nella..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/07/2020 – A causa delle difficoltà che l’emergenza sanitaria ha procurato nella conclusione delle compravendite immobiliari, chi ha acquistato una casa con le agevolazioni ‘prima casa’ avrà più tempo per completare gli adempimenti e non perdere il beneficio.   A ricordarlo l’Agenzia delle Entrate tramite la posta di FiscoOggi in cui risponde ad una contribuente che ha acquistato una nuova abitazione con le agevolazioni fiscali prima casa ma non è ancora riuscita a vendere la precedente.   Agevolazioni prima casa: più tempo per gli adempimenti L’Agenzia ha ricordato che l’art. 24 del DL 23/2020 ha disposto la sospensione dei termini previsti dalla normativa sulle agevolazioni “prima casa”, per evitare la decadenza dalle stesse a causa del coronavirus.   In particolare, il decreto ha sospeso per tutto il periodo compreso tra il 23 febbraio 2020 e il 31 dicembre 2020 i termini..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/07/2020 – La demolizione e ricostruzione con aumento volumetrico può accedere ai bonus casa solo se l’aumento è dovuto ad innovazioni necessarie per l'adeguamento alla normativa antisismica; negli altri casi di aumento volumetrico, anche realizzati ai sensi del Piano Casa, non è possibile fruirne.   Lo ha spiegato l’Agenzia delle Entrate nella Risposta 195/2020 fornita ad un’impresa di costruzione che ha realizzato lavori di demolizione e ricostruzione con aumento di volumetria per adeguamento sismico usufruendo del ‘Piano Casa’ e ha chiesto all’Agenzia se l'immobile risultante dall’intervento potesse beneficiare del ‘sismabonus acquisto’.    Demolizione con aumento volumetrico: quando valgono i bonus L’Agenzia nella sua risposta ha ampliato il discorso e ha specificato che, ai fini delle agevolazioni per la casa, è necessario che dal titolo amministrativo..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/07/2020 – Per raffrescare o riscaldare ambienti domestici non è sempre necessario l’utilizzo di climatizzatori o termosifoni, soprattutto in quelle stagioni in cui la necessità di un ‘ausilio esterno’ si concentra in pochi momenti della giornata; in questi casi si può optare per ventilatori e termoventilatori.   Il ventilatore ha lo scopo di migliorare il raffrescamento di piccoli spazi grazie alla creazione di una corrente d’aria destinata all’aerazione o alla ventilazione diretta. È costituito da una girante a palette azionata da un motore, con l’eventuale aggiunta di un sistema di condotti attraverso i quali la corrente d’aria è convogliata in una determinata direzione.   Rispetto ad un condizionatore, il ventilatore non climatizza l’aria ma può avere alcuni vantaggi; ad esempio ha un consumo energetico minore, non crea grandi sbalzi termici e non necessita della pulizia..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/07/2020 – La Lombardia ha messo a disposizione 400.000.000 euro per la realizzazione di nuove opere pubbliche nei territori della regione.   Le misure, contenute nella LR 9/2020, finanzieranno una o più opere pubbliche per ogni comune lombardo, per le Province e per la Città Metropolitana, a condizione che non siano già integralmente finanziati da altri soggetti.   Lombardia: via libera a nuove opere pubbliche Con le risorse messe a disposizione, i Comuni potranno realizzare interventi nei seguenti ambiti: a) sviluppo territoriale sostenibile, compresi interventi in materia di mobilità sostenibile, nonché interventi per l'adeguamento e la messa in sicurezza di strade, scuole, edifici pubblici e patrimonio comunale, abbattimento delle barriere architettoniche e interventi per fronteggiare il dissesto idrogeologico e per la riqualificazione urbana; b) efficientamento energetico, compresi interventi volti..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/07/2020 – A determinate condizioni, gli acquirenti di immobili in zone sismiche 2 e 3 possono usufruire del Sismabonus acquisto anche se l’asseverazione non è stata presentata dall’impresa insieme alla richiesta del titolo abilitativo.   A spiegarlo l’Agenzia delle Entrate nella Risposta 196/2020 in cui risponde ad un’impresa di costruzioni che aveva richiesto il permesso di costruire per immobili demoliti e ricostruiti nel 2017 senza asseverazione ma che voleva fruire del bonus presentandola successivamente.     Sismabonus: nelle zone 2 e 3 più tempo per l’asseverazione (con condizioni) L’Agenzia ha spiegato che la questione del diverso trattamento rispetto alla zona 1, in cui è più volte stata ribadita la necessità che l’asseverazione non fosse tardiva, nasce dal fatto che l’estensione del sismabonus acquisto alle zone sismiche 2 e 3 è intervenuta nel 2019 e, quindi,..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/07/2020 - Precisazioni su sconto in fattura e cessione del credito relativo al superbonus 110%, regole per le cessioni successive, norme attuative entro il 18 agosto.   Analogamente all’articolo 119 che regola il superbonus 110%, anche l’articolo 121 del Decreto Rilancio sarà modificato per precisare alcuni aspetti della disciplina. Nella seduta di ieri, la Commissione Bilancio della Camera ha approvato un emendamento che ridefidisce alcuni commi per superare possibili incertezze interpretative in sede attuativa.   Sconto in fattura e cessione del credito Con riferimento allo sconto in fattura, l’emendamento precisa che il credito di imposta spettante al fornitore è pari alla detrazione originariamente spettante al beneficiario indipendentemente dal livello dello sconto applicato. Si tiene conto, in tal modo - spiega la relazione -, del fatto che il superbonus ha una aliquota pari al 110% della spesa, mentre lo sconto non può..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/07/2020 – Quasi certo l'aumento dei beneficiari del superbonus, che includerà le seconde case, e degli interventi agevolati, in cui saranno incluse anche le demolizioni e ricostruzioni. Come contropartita, scenderanno i tetti di spesa.   Sono alcune delle modifiche al nuovo sistema di detrazioni fiscali, contenute negli emendamenti al disegno di legge di conversione del Decreto Rilancio (DL 34/2020), che la Commissione Bilancio della Camera si appresta a varare.    Superbonus 110% per demolizioni e ricostruzioni Il Superbonus per l’efficientamento energetico sarà riconosciuto anche agli interventi di demolizione e ricostruzione. Come spiegato nella relazione illustrativa, la novità non avrà alcun impatto dal punto di vista finanziario in quanto l’intervento già accede agli incentivi, ma darà al beneficiario più chances di scelta tra le soluzioni progettuali. Passando alla..
Continua a leggere su Edilportale.com

01/07/2020 - La fase progettuale è quella in cui il committente, con l’aiuto tecnico - professionale del progettista, inizia a dare forma concreta a quella che inizialmente era solo un’immagine astratta della sua futura casa. A differenza di una nuova costruzione, nell’ambito di una ristrutturazione, la libertà progettuale potrebbe essere maggiormente limitata, perché si va ad operare su un contesto già esistente. Per esempio, un committente desidera dotare la sua abitazione di un impianto di riscaldamento e/o raffrescamento a pavimento,  intervento che prevede che prevede la demolizione dell’esistente massetto e la ricostruzione con tipologia radiante. Per realizzare un massetto radiante sono necessari notevoli spessori. Cosa accade nel caso in cui ci siano problemi di quota disponibile? Se gli spessori non sono sufficienti si dovrà rinunciare all’idea di avere un impianto di riscaldamento/raffrescamento..
Continua a leggere su Edilportale.com

01/07/2020 – Di sei mesi in sei mesi, il Piano Casa della Sardegna continua il suo cammino. È stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione la LR 17/2020, che proroga al 31 dicembre 2020 le norme straordinarie per il rilancio del settore edile.   I termini del Piano Casa erano in scadenza il 30 giugno 2020, dopo un’altra mini-proroga di sei mesi. L’intenzione della Regione, già dalla fine del 2019, è quella di varare una legge organica stabile, non soggetta a proroghe, capace di creare un panorama normativo più stabile. Queste proroghe brevi servono quindi a dare continuità agli interventi fino a quando non saranno decise le nuove regole.   Piano Casa Sardegna fino al 31 dicembre 2020 Oltre alla proroga, la legge regionale non modifica i contenuti del Piano Casa. SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL PIANO CASA SARDEGNA   Si potrà quindi continuare a realizzare interventi di ampliamento, fino al..
Continua a leggere su Edilportale.com

01/07/2020 – Il direttore dei lavori non è responsabile dei vizi dell’opera o degli infortuni in cantiere, a meno che non abbia pattuito con il committente altre attività di vigilanza. Lo ha spiegato la Cassazione con la sentenza 6321/2020.   Vizi dell’opera e infortuni, il caso I giudici si sono pronunciati su una richiesta di risarcimento dei danni per un infortunio avvenuto durante i lavori di manutenzione di un condominio, costato la vita ad un lavoratore. Secondo i congiunti, il direttore dei lavori avrebbe dovuto essere considerato responsabile insieme alla ditta appaltatrice.   Il Tribunale territoriale e la Corte d’Appello lo avevano invece considerato estraneo ai fatti. La Cassazione ha confermato queste conclusioni e, per spiegare la materia della responsabilità del direttore dei lavori, ha assimilato l’onere della vigilanza sulla sicurezza sul lavoro a quello sulla verifica dei vizi progettuali.   Vizi..
Continua a leggere su Edilportale.com

01/07/2020 – Il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato il bando da 330 milioni di euro per l'edilizia scolastica 'leggera' in vista della ripresa di settembre.   La finalità del bando è realizzare piccoli interventi di adattamento e di adeguamento degli spazi, degli ambienti scolastici e delle aule didattiche degli edifici pubblici adibiti ad uso didattico.   Edilizia scolastica leggere: cosa prevede il bando La procedura si rivolge agli enti locali, con competenza sugli edifici scolastici censiti nell’Anagrafe nazionale dell’edilizia scolastica, che si sono accreditati sulla Piattaforma predisposta dal Ministero dell'Istruzione.  Per accelerare le procedure amministrative che servono per accedere ai finanziamenti, infatti, già dall'inizio di mese e fino allo scorso 24 giugno, gli Enti Locali si sono potuti accreditare sulla piattaforma amministrativa per ottenere le credenziali per..
Continua a leggere su Edilportale.com

01/07/2020 - Entra in vigore oggi la norma del Decreto Fiscale che concede un credito d’imposta del 30% delle commissioni addebitate per le transazioni effettuate mediante carte di credito, di debito o prepagate e altri pagamenti elettronici tracciabili.   Inoltre, il provvedimento stabilisce anche che da oggi, 1° luglio 2020, il valore soglia oltre il quale si applica il divieto al trasferimento di denaro liquido fra soggetti diversi venga ridotto, dagli attuali 3mila euro, a 2mila euro.   Pagamenti con Pos: il bonus per scoraggiare l’uso del contante Professionisti, singoli o in studi professionali, potranno ottenere un credito d’imposta nella misura del 30% delle commissioni applicate dai prestatori di servizi di pagamento e regolate con carte di credito, debito o prepagate ovvero mediante altri strumenti di pagamento elettronici tracciabili.   L’accesso all’incentivo fiscale è riservato ai soli operatori..
Continua a leggere su Edilportale.com

Lieve la sanzione amministrativa: da 26 a 160 euro

30/06/2020 – Chi ha acquistato i diritti edificatori derivanti dalla demolizione di unità immobiliari al fine di edificare un’abitazione civile, utilizzando la volumetria degli immobili demoliti, può beneficiare del bonus ristrutturazione. Se, in alternativa al bonus ristrutturazioni, ha diritto a fruire del sismabonus perché il nuovo edificio ne ha i requisiti, deve fare attenzione nel presentare l’asseverazione: se la presenta in tempi sbagliati rischia di perdere il beneficio fiscale. A ribadirlo l’Agenzia delle Entrate nella Risposta 194/2020 in cui tratta il caso di un contribuente che ha acquistato una porzione di terreno agricolo e i diritti edificatori derivanti dalla demolizione di due unità immobiliari, ubicate oltre il confine del terreno, al fine di edificarne un’abitazione civile con la stessa volumetria degli immobili demoliti.   Bonus ristrutturazione: ok anche nel caso di cessione dei diritti edificatori Nel..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/06/2020 – Nessuna norma può introdurre deroghe alle distanze minime stabilite dalle leggi statali. Il chiarimento è arrivato dalla Corte Costituzionale, che con la sentenza 119/2020, ha messo al riparo da dubbi una serie di pratiche per la realizzazione degli ampliamenti volumetrici del Piano Casa in Veneto. Il panorama normativo del Piano Casa è stato recentemente scosso da un’altra pronuncia della Corte Costituzionale, che potrebbe limitare molto le potenzialità degli interventi di demolizione e ricostruzione con premio di cubatura. Il Decreto Semplificazioni, allo studio del Governo, sta però arrivando a chiudere il cerchio della questione.     Distanze tra edifici e Piano Casa Veneto Tutto è iniziato con la presentazione di una DIA per l’ampliamento e la ristrutturazione di un edificio con le premialità previste dal Piano Casa Veneto (LR 14/2009). La DIA proponeva un ampliamento del 20% e la contestuale..
Continua a leggere su Edilportale.com

30/06/2020 – Governo e Parlamento si accingono a dare risposte ad importanti necessità del settore edile, attraverso il Decreto Rilancio, il DL Semplificazioni e il lavoro sul Testo Unico, con misure d’interesse per i professionisti.   Per questo, nelle scorse settimane Edilportale ha lanciato un sondaggio tra i propri lettori per raccogliere opinioni circa le misure più urgenti da attuare nel mondo dell’edilizia e capire se sono in linea con i piani del Governo. All’indagine hanno risposto soprattutto ingegneri, architetti e geometri, ma anche periti industriali, imprenditori e dipendenti pubblici.   Tra le modifiche più urgenti per la normativa edilizia, il 60% dei rispondenti chiede di avere un’unica legge edilizia di riferimento, cosa che il Legislatore si accinge a fare con la revisione del Testo Unico dell’Edilizia; il provvedimento contiene anche la riduzione dei titoli abitativi che, invece,..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/06/2020 - Nella ristrutturazione di interni quando si arriva alla posa dei rivestimenti, a parete o a pavimento, spesso viene richiesto che venga effettuata senza fughe. Il motivo di questa richiesta è dovuto alla tendenza di avere il più possibile continuità nelle superfici da rivestire. L’assenza di interruzioni nel pavimento, o sulle pareti, crea un effetto di design minimalista ed elegante. Ne deriva un impatto estetico notevole che conferisce agli ambienti della propria casa uno stile molto moderno. Per quanto riguarda le piastrelle in ceramica, purtroppo, la normativa vigente non ammette più la posa senza fuga, la cosiddetta “posa a giunto unito”, ma prescrive una larghezza minima ed inderogabile di 2mm (UNI 11493).   Inoltre, la fuga minima non è realizzabile per tutte le tipologie di piastrelle ed in tutti i contesti. All’interno degli ambienti residenziali la fuga minima è realizzabile per le sole..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/06/2020 – La progettazione delle opere di urbanizzazione primaria e gli interventi relativi alla viabilità ed alle infrastrutture sono di esclusiva competenza dei professionisti Ingegneri e non possono essere svolte da un architetto.   A ribadirlo il Consiglio Nazionale Ingegneri (CNI) nella Circolare 251/2020 sulla sentenza 170/2020 in cui riprende la questione della ripartizione di competenze professionali tra Ingegneri ed Architetti.   Progettazione urbanizzazione primaria: la sentenza La sentenza del Tar del Lazio ha avuto origine dal ricorso presentato da un soggetto che contestava la delibera con cui il Comune aveva approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica per la costruzione di una rotatoria ed il successivo progetto esecutivo.   Veniva impugnato l’affidamento dei lavori di “miglioramento della sicurezza stradale mediante la realizzazione di una rotatoria ed illuminazione, eccependo – tra l’altro..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/06/2020 - Eni gas e luce, Fondazione Inarcassa ed Harley&Dikkinson hanno stipulato un accordo per supportare le attività di Ingegneri e Architetti Liberi Professionisti nell’ambito della riqualificazione energetica e la messa in sicurezza sismica degli edifici, al fine di poter sfruttare le opportunità degli incentivi fiscali in ambito ecobonus e sismabonus introdotte anche dal recente Decreto Rilancio 34/2020.   Con questo accordo si intende valorizzare la figura dell’architetto e dell’ingegnere nell’esercizio della sua libera professione per supportarne il ruolo strategico sia nella fase progettuale che di controllo degli interventi legati alla riqualificazione energetica e la messa in sicurezza sismica degli edifici.   L’accordo nasce anche per rispondere alle richieste dei professionisti che hanno partecipato nel 2018 e 2019 alla Giornata Nazionale della Prevenzione Sismica organizzata dalla Fondazione Inarcassa con..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/06/2020 – Censire il patrimonio immobiliare esistente e avviare una strategia di ristrutturazione e riqualificazione a lungo termine degli edifici non solo dal punto di vista dell’efficientamento energetico, ma anche sella sicurezza antisismica e antincendio.   Sono questi gli obiettivi del D.lgs. 48/2020, che ha recepito nell’ordinamento italiano la Direttiva 2018/844/UE sull’efficienza energetica in edilizia e modificato il D.lgs. 192/2005 sul rendimento energetico in edilizia.   Strategia di ristrutturazione a lungo termine Il decreto prevede l’adozione di una strategia di lungo termine per la ristrutturazione del parco nazionale degli edifici residenziali e non residenziali pubblici e privati, che porti ad ottenere un parco immobiliare decarbonizzato e ad alta efficienza energetica entro il 2050.   La strategia verrà recepita nel Piano nazionale per l’energia e il clima, che dovrà indicare le..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/06/2020 - Una parte consistente del DL Semplificazioni è dedicata alle semplificazioni in materia edilizia, con misure di velocizzazione e agevolazione degli interventi, essenzialmente volte a rendere più facile e immediata la costruzione delle opere legittimamente realizzabili.   Ristrutturazione con demolizione e ricostruzione Una tra le più significative prevede di abolire il vincolo che obbliga a mantenere lo stesso sedime e la stessa sagoma negli interventi di ristrutturazione con demolizione e ricostruzione disciplinati da programmi di rigenerazione urbana; secondo il DL, la ricostruzione sarà comunque consentita con la sola osservanza delle distanze legittimamente preesistenti.   Si tratta di una modifica normativa richiesta da tempo che sbloccherebbe tante situazioni in cui l’obbligo di osservare le distanze minime vigenti impedisce, di fatto, di ricostruire con caratteristiche formali diverse gli edifici dopo la demolizione.   Manutenzione..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/06/2020 - Semplificazioni in materia di contratti pubblici ed edilizia, semplificazioni procedimentali e responsabilità, misure di semplificazione per il sostegno e la diffusione dell’amministrazione digitale, semplificazioni in materia di attività di impresa, ambiente e green economy.   Sono i quattro ambiti della bozza del DL ‘Semplificazioni del Sistema Italia’ diffusa oggi. Il testo sarà esaminato nelle prossime ore dalla maggioranza per approdare sul tavolo del Consiglio dei Ministri probabilmente entro la settimana.   Appalti, meno bandi fino a luglio 2021 Per dare una accelerazione ai lavori pubblici nella fase post-emergenza, il DL mette in campo un regime speciale valido per un tempo limitato: fino al 31 luglio 2021.   Per i contratti di lavori, servizi e forniture, sono previste due sole procedure: - fino a 150mila euro > affidamento diretto e amministrazione diretta; - fra 150.000 e fino alle soglie..
Continua a leggere su Edilportale.com