Flash News: Edilizia

06/12/2019 – In bilico la proroga del Piano Casa in Puglia. Fino a qualche giorno fa sembrava che le misure per il rilancio dell’edilizia, in scadenza al 31 dicembre 2019, dovessero essere prorogate, senza modifiche, al 31 dicembre 2020.   La proroga dovrebbe essere l’ultima. Poi il Piano Casa lascerebbe il posto alle misure strutturali contenute nel disegno di legge sulla bellezza del territorio pugliese, in fase di approvazione. Durante la discussione del ddl per la proroga del Piano Casa in Consiglio Regionale, è stato però approvato un emendamento che ha causato una spaccatura nella maggioranza e il mancato raggiungimento del numero legale per l’approvazione della legge.   Piano Casa Puglia, il ddl per la proroga Il ddl prevede la proroga del Piano Casa al 31 dicembre 2020 e sposta al 1° agosto 2019, anche la data entro la quale gli immobili devono risultare “esistenti” per poter essere interessati dagli..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/12/2019 – Può accedere al regime forfettario nel 2020 chi nel 2019 ha superato i 65.000 euro di fatturato ma nel 2020 presume di non superarli?   La risposta dell’Agenzia delle Entrate alla domanda di un contribuente arriva tramite la posta di FiscoOggi.   Regime forfettario 2020: necessario possedere i requisiti nel 2019   L’Agenzia delle Entrate ha ricordato che per accedere al regime forfettario è necessario non superare i 65 mila euro di ricavi nell’anno precedente; di conseguenza chi vuole passare al forfettario nel 2020 deve tener presente i ricavi del 2019.   Se nel 2019 è stato superato il limite dei ricavi/compensi, non sarà possibile passare nel 2020 al regime forfettario.   ‘Reddito presunto’ nel 2020: ecco chi può accedere al forfettario L’Agenzia precisa che solo chi inizia un’attività può avvalersi di questo regime comunicando, nella dichiarazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

06/12/2019 - Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) ha assegnato 12,5 milioni di euro ai Comuni per la progettazione della messa in sicurezza di edifici e strutture pubbliche, con priorità alle scuole.   È stato infatti pubblicato sul sito web del MIT il decreto 15584 del 3 dicembre 2019 di ammissione al cofinanziamento statale di 12.437.500,00 euro delle progettazioni dei Comuni, nell’ambito dei complessivi 90 milioni di euro per il triennio 2018-2020 del Fondo Progettazione Enti Locali.   Il MIT ha ricevuto 1154 domande di accesso al Fondo, per complessive 2163 progettazioni, a valere sulle risorse stanziate per gli anni 2018, 2019 e 2020. Al termine dell’istruttoria, sono state finanziate 1663 progettazioni.   In base alle risorse disponibili per gli anni 2018 e 2019, sono ammesse a cofinanziamento statale le prime 833 progettazioni. Con successivo decreto verrà approvato l’elenco delle progettazioni..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/12/2019 – Quando bisogna fare piccoli lavori in casa o delle lavorazioni su dei materiali, risultano indispensabili degli utensili specifici per l’attività richiesta. Una particolare categoria di utensili è rappresentata dagli elettroutensili, ovvero quegli attrezzi che sono alimentati elettricamente, in genere grazie ad un motorino elettrico, che sostituisce o coadiuva l’applicazione manuale richiesta all’operatore.   Elettroutensili Gli elettroutensili sono una evoluzione dei semplici utensili manuali e consentono, in certi casi, di effettuare operazioni più accurate e in tempi più rapidi a tutto vantaggio della ottimizzazione e della efficienza dei processi lavorativi. Elettroutensili idonei ad ogni tipo di lavoro sono diffusamente impiegati nella pratica quotidiana di cantieri edili e stradali, laboratori ed officine artigiane, attività industriali, lavori di impiantisti ed installatori, manutentori, montatori,..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/12/2019 – Professionisti e imprenditori che, nelle tre annualità precedenti, non hanno esercitato alcuna attività, si vedranno chiudere d’ufficio la Partita Iva.   Lo ha stabilito l’Agenzia delle Entrate per dare attuazione al Decreto Fiscale del 2016, che ha modificato il Dpr 633/1972 introducendo il comma 15-quinquies all’articolo 35.   Nei giorni scorsi, l’Agenzia delle Entrate ha inoltre adottato un provvedimento che definisce i criteri, le modalità di applicazione della norma e le forme di comunicazione preventiva al contribuente.   Partite Iva inattive, come individuarle Le partite Iva inattive, spiega l’Agenzia delle Entrate, vengono individuate sulla base di riscontri automatizzati con le informazioni disponibili in Anagrafe tributaria, volti a identificare i titolari di partita Iva che nelle tre annualità precedenti non hanno presentato, se dovuta, la dichiarazione Iva o dei redditi di lavoro..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/12/2019 – Per bloccare un ordine di demolizione, la richiesta di sanatoria deve riguardare tutto il manufatto abusivo e non le singole porzioni. Lo ha stabilito la Cassazione con la sentenza 29088/2019.   Richiesta di sanatoria, il caso I giudici si sono pronunciati sul caso di un ordine di demolizione di un manufatto abusivo. Per bloccarlo, i nuovi proprietari, che avevano ereditato la costruzione dopo la realizzazione degli abusi edilizi, avevano presentato istanze di sanatoria individuali.   Ogni istanza di sanatoria, però, riguardava singole porzioni dell’immobile e non considerava la costruzione nel suo complesso.   Secondo i proprietari, sommando le singole istanze si sarebbe comunque arrivati alla sanatoria di tutto il fabbricato.   Richiesta di sanatoria, Cassazione: deve riguardare l’intero immobile I giudici della Cassazione hanno respinto le richieste dei proprietari partendo dal principio che la concessione edilizia..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/12/2019 – L'installazione dell'impianto di allarme o di un dispositivo antintrusione, in quanto rientrante nei lavori che danno diritto alla detrazione prevista per la ristrutturazione, può dare diritto al bonus mobili?   La questione, per quanto più volte chiarita dall’Agenzia delle Entrate (sia tramite la posta di FiscoOggi sia tramite circolari) crea ancora molta confusione in quanto molti partono dal presupposto (sbagliato) che tutti gli interventi agevolati dal bonus ristrutturazioni attivano il bonus per l’acquisto di arredi.   I dispositivi antintrusione permettono l’accesso al bonus arredi? Come chiarito dall’Agenzia nella Circolare 10/2014, i dispositivi antifurto possono beneficiare del bonus mobili solo se per la loro installazione sono necessari degli interventi edilizi.   Tramite la posta di FiscoOggi, l’Agenzia ha anche sottolineato che generalmente non spetta l’agevolazione per l’acquisto..
Continua a leggere su Edilportale.com

05/12/2019 – Il meccanismo dello sconto immediato in fattura, alternativo all’ecobonus e al sismabonus, sarà corretto per tutelare le piccole e medie imprese (PMI). Lo ha deciso, con una risoluzione, la Commissione Industria del Senato al termine delle audizioni sul tema.   La risoluzione ha impegnato anche il Governo a prevedere la stabilizzazione dell’ecobonus, compatibilmente con le risorse necessarie, e la semplificazione del Conto Termico per potenziare le misure a sostegno dell’efficientamento energetico.   Ecobonus e sismabonus, come potrebbe cambiare lo sconto in fattura La risoluzione ha impegnato il Governo a prevedere meccanismi di supporto temporanei a favore delle PMI, che altrimenti potrebbero avere difficoltà a praticare lo sconto immediato in fattura.  Un’ipotesi è “il ripristino transitorio della situazione ex-ante articolo 10 del c.d. Decreto Crescita”. Una sorta di abrogazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

04/12/2019 - Dei 30.000 tra ponti, viadotti e gallerie che si trovano sui circa 100 mila chilometri di strade gestiti dalle Province delle Regioni a Statuto Ordinario, circa 2.000 necessitano di interventi urgenti, per poco meno di 4.000 sono già noti gli interventi necessari mentre per oltre 14.000 occorrono indagini tecnico diagnostiche.   Ponti e viadotti, Province: ‘servono 3,2 miliardi di euro’ Per il primo gruppo di 6.000 opere, le risorse necessarie per intervenire ammontano a 2 miliardi e 454mila euro, per il secondo la stima dei costi ammonta a circa 566 milioni di euro; il totale delle risorse necessarie è pari a 3,2 miliardi di euro.   I dati arrivano dall’Unione delle Province Italiane (UPI), interpellata dai Provveditori Regionali alle Opere Pubbliche per effettuare un monitoraggio sulle opere infrastrutturali in gestione. L’UPI ha chiesto alle 76 Province di inviare i dati distinguendo tra: - le opere già sottoposte..
Continua a leggere su Edilportale.com

04/12/2019 – Un portale nazionale delle classificazioni sismiche (PNCS) per facilitare l’accesso al sismabonus. La piattaforma è stata presentata lo scorso 8 novembre da Casa Italia alla Rete delle Professioni tecniche (RPT).   All’incontro sono intervenuti anche i rappresentanti della Conferenza Unificata, Agenzia delle Entrate, Istat, Ministero delle infrastrutture e Trasporti (Mit), Ministero dello Sviluppo Economico (Mise), Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, Enea, Dipartimento Funzione Pubblica, Team per la trasformazione digitale.   Portale nazionale classificazioni sismiche, come funzionerà Il Consiglio nazionale degli Ingegneri (CNI), con una circolare rivolta ai propri iscritti, ha spiegato il funzionamento del nuovo portale.   Una volta a regime, fungerà da piattaforma per il conferimento dei dati di classificazione sismica delle costruzioni, utili per l’accesso al sismabonus e per la verifica dell’applicazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

04/12/2019 - Lo sconto in fattura alternativo alle detrazioni fiscali per i lavori di efficientamento energetico e riqualificazione sismica degli edifici (ecobonus e sismabonus), previsto dall’articolo 10 del Decreto Crescita, è un’opportunità ed una garanzia di trasparenza per il lavoro dei liberi professionisti. La pensa così Fondazione Inarcassa, la Fondazione degli Architetti e Ingegneri Liberi Professionisti Iscritti ad Inarcassa.   “Rispetto alla cessione del credito tradizionale, con questa misura, anche al libero professionista è garantita la libertà di applicare lo sconto, non più prerogativa e appannaggio della sola impresa, scongiurando così ogni forma di potenziale conflitto d’interessi”. Ha dichiarato Egidio Comodo, Presidente di Fondazione Inarcassa.   “In questo modo, lo sconto in fattura garantisce che le prestazioni progettuali e di direzione lavori non siano più..
Continua a leggere su Edilportale.com

04/12/2019 – L’acquisto di una casa può pesare notevolmente sul patrimonio della famiglia. Con la crisi in atto, molti contribuenti rimandano la spesa, peggiorando inevitabilmente la condizione delle imprese, che si trovano a dover gestire un magazzino di immobili invenduti.   Negli anni sono state messe a punto delle agevolazioni fiscali per stimolare l’acquisto di immobili nuovi o con determinate caratteristiche di prestazione energetica e sicurezza antisismica, direttamente dalle imprese di costruzione o ristrutturazione. Alcune detrazioni sono ancora in vigore, altre sono scadute, ma dal 2020 potrebbero arrivare ulteriori bonus.   Sismabonus acquisto case antisismiche Secondo le norme sul sismabonus chi acquista una casa antisismica situata in una zona che, in base all’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 3519/2006 risulta classificata a rischio sismico 1, 2 o 3, può ottenere una detrazione fiscale pari..
Continua a leggere su Edilportale.com

04/12/2019 – Cresce l'attesa per capire se l’accredito sul conto alternativo all’Ecobonus e al Sismabonus vedrà la luce. La misura, contenuta negli emendamenti 19.37 (Italia Viva), 19.38 (PD) e 24.2 (PD) al disegno di legge di Bilancio per il 2020, avrebbe dovuto affrontare l'esame della Commissione Bilancio del Senato. Le sedute sono state via via sconvocate, lasciando gli addetti ai lavori col fiato sospeso.   Il nuovo strumento, ipotizzato con gli emendamenti, potrebbe completare il panorama delle detrazioni fiscali sulla casa, correggendo il tiro del Decreto “Crescita”, che in estate ha introdotto lo sconto immediato in fattura, creando difficoltà per le piccole e medie imprese.   Accredito alternativo a ecobonus e sismabonus Se gli emendamenti saranno approvati, in alternativa all’opzione dello sconto immediato in fattura, il privato committente potrà scegliere di ricevere un credito di importo pari all’ammontare..
Continua a leggere su Edilportale.com

Sempre ammessa la correzione con integrativa del modello già inviato. Fanno eccezione soltanto le «scelte» del contribuente con termine di decadenza

03/12/2019 - Il Consiglio dei Ministri di ieri sera ha dichiarato lo stato di emergenza per i territori delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana e Veneto, interessati dagli eccezionali eventi meteorologici che si sono verificati nei mesi di ottobre e novembre 2019.   La decisione estende gli effetti della dichiarazione dello stato di emergenza adottato il 14 novembre scorso che, ricordiamo, ha stanziato 17 milioni per Alessandria e 20 milioni di euro per Venezia ai quali si aggiungeranno 65 milioni di euro per la salvaguardia della laguna annunciati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e 1 miliardo di euro in 10 anni per rifinanziare la legge speciale per Venezia, chiesti dal Parlamento.   Ieri sera il Governo ha deliberato un primo stanziamento di 100 milioni di euro, così ripartiti:   Liguria 39.950.673,95 euro; Emilia Romagna 24.438.027,72 euro; Piemonte..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/12/2019 – Le ritenute fiscali negli appalti e nei subappalti riguarderanno solo i contratti oltre i 200mila euro e ad alto contenuto di manodopera. Lo ha stabilito un emendamento al disegno di legge Fiscale, approvato dalla Commissione Finanze della Camera.   Decreto Fiscale, le ritenute fiscali Il Decreto Fiscale ha previsto che il versamento delle ritenute fiscali per i lavoratori impiegati nell’appalto sia effettuato direttamente dal committente, cui l’appaltatore o il subappaltatore deve anticipare le somme.   L’introduzione della misura nasce dalla necessità di arginare il fenomeno per cui alcune imprese recuperano il prezzo più basso offerto con il mancato o tardivo versamento delle ritenute per il lavoro dipendente o assimilato.   Decreto Fiscale, ritenute solo oltre i 200mila euro Dopo alcune proteste degli addetti ai lavori, di cui l’Associazione nazionale costruttori edili (Ance) si è fatta portavoce,..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/12/2019 - Scatterà tra meno di un mese, il 1° gennaio 2020, il secondo scaglione di opere per le quali sarà obbligatorio l’utilizzo del Building Information Modeling (BIM)   Il Decreto BIM (DM 560/2017), infatti, ha introdotto, a partire dal 2019, l’obbligo di utilizzare metodi e strumenti elettronici di modellazione per le opere pubbliche, secondo la seguente scansione temporale: - dal 2019 per le opere oltre i 100 milioni di euro; - dal 2020 per i lavori complessi oltre i 50 milioni di euro; - dal 2021 per i lavori complessi oltre i 15 milioni di euro; - dal 2022 per le opere oltre i 5,2 milioni di euro; - dal 2023 per le opere oltre 1 milione di euro; - dal 2025 per tutte le nuove opere.   Il Decreto BIM, infatti, ha stabilito le modalità e i tempi di progressiva introduzione, da parte delle stazioni appaltanti, delle amministrazioni concedenti e degli operatori economici, dell’obbligatorietà dei metodi e..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/12/2019 - Per ottenere il bonus mobili ed elettrodomestici, è necessario che la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione sia precedente a quella di acquisto dei beni. Tuttavia, l’agevolazione per gli acquisti effettuati nel 2019 spetta solo se gli interventi di recupero del patrimonio edilizio sono iniziati a partire dal 1° gennaio 2018.   La precisa condizione che la legge pone riguarda quindi le date che delimitano l’arco temporale entro cui i lavori devono essere effettuati per poter costituire il presupposto al diritto di fruire del bonus mobili.   Ma andiamo con ordine. Un contribuente spiega di aver terminato da circa 3 mesi i lavori di ristrutturazioni della sua casa, lavori per i quali chiederà la detrazione Irpef del 50%. La domanda che pone è: “volendo ora comprare dei mobili e usufruire del relativo bonus, esiste un termine dalla fine dei lavori entro il quale effettuare l’acquisto?”.   L’Agenzia..
Continua a leggere su Edilportale.com

03/12/2019 – Le multe per professionisti e imprese che non accettano pagamenti con carte di credito e bancomat non passano. La Commissione Finanze della Camera ha approvato un emendamento al disegno di legge per la conversione del Decreto Fiscale che sopprime le sanzioni a carico di chi non accetta pagamenti elettronici.   Restano invece in piedi gli incentivi all’utilizzo del POS, pari al 30% delle commissioni addebitate agli esercenti.   Decreto Fiscale, obbligo di POS e sanzioni Per rendere operativo l’obbligo di dotarsi del Pos e mettere in atto delle strategie per la lotta all’evasione e al sommerso, il Decreto Fiscale ha previsto l’introduzione di una sanzione.   Dal 1° gennaio 2020, professionisti e altri esercenti sarebbero stati colpiti dalla multa se avessero rifiutato pagamenti elettronici di qualunque importo. La sanzione avrebbe avuto un importo pari a 30 euro più il 4% del valore del pagamento rifiutato.   Nonostante..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/12/2019 - Con un flusso di entrate contributive in aumento, al di sopra di 1 miliardo di euro, e un avanzo economico di oltre 428 milioni di euro, nel 2020 il patrimonio di Inarcassa raggiungerà gli 11,7 miliardi di euro.   Lo comunica la stessa Inarcassa, la Cassa di Previdenza degli Ingegneri e Architetti liberi professionisti, spiegando che le stime contenute nel Budget 2020, approvato dal Comitato Nazionale dei Delegati nell’adunanza del 28 e 29 novembre, hanno permesso di traguardare un risultato positivo legato al buon andamento della gestione previdenziale, di quella operativa e di quella patrimoniale.   “Affidiamo a questo bilancio di previsione il compito di traguardare il quinquennio di questa consiliatura - ha dichiarato il Presidente Giuseppe Santoro -, in coerenza con il Piano strategico 2015-2020. In questi anni impegnativi di mandato, abbiamo operato per il raggiungimento degli obiettivi in cui abbiamo sempre creduto: dal miglioramento..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/12/2019 - Tra Cina e Corea del Nord, non lontano dai confini della Russia, c’è la regione del Changbaishan, caratterizzata da temperature rigide, che in invero arrivano a toccare i -45°C. Il luogo ideale per sfidarsi a suon di neve e ghiaccio.   Ed è proprio quello che ha fatto, in occasione del “Changbaishan International Ice and Snow Sculpture Competition”, un gruppo di rappresentative, provenienti da vari Paesi, che ha scolpito architetture ed elementi decorativi ispirati alla tradizione. Un modo per dimostrare la maestria dei partecipanti e far conoscere le proprie bellezze ricostruendo opere “a tempo” destinate a dissolversi.   Vediamone alcuni, che si sono distinti per dimensioni e cura del dettaglio. Tutte le immagini della manifestazione sono state messe a disposizione dal media partner, CreativeAcademy di CreativeIntelligence.   Il Colosseo, realizzato con blocchi di ghiaccio dal team italiano, non ha certo..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/12/2019 – Concludere entro il prossimo anno la riforma che porterà al corso di laurea triennale abilitante per geometri, caratterizzato da un piano di studi altamente professionalizzante e da un impianto didattico capace di tutelare la specificità dell’indirizzo.   Questo l’obiettivo del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati (CNGeGL) ribadito nel corso del 45esimo Congresso nazionale tenutosi dal 28 al 30 novembre.   Laurea professionalizzante per geometri entro l'anno prossimo? Durante il convegno si sono riaccesi i riflettori sull’iter legislativo che porterà all’attivazione del corso di laurea triennale abilitante dedicato alla professione. I geometri puntano a ‘concludere la partita’ entro l’anno prossimo.   Ma qual è la differenza fondamentale tra le lauree triennali riservate ai professionisti tecnici e la nuova laurea per geometri? Un aspetto fondamentale per la Categoria..
Continua a leggere su Edilportale.com

02/12/2019 – Può usufruire del bonus ristrutturazioni 50% anche il futuro acquirente di un immobile sul quale intende effettuare i lavori?   La risposta arriva dall’Agenzia delle Entrate tramite la posta di FiscoOggi.   Bonus ristrutturazioni per immobili da acquistare L’Agenzia chiarisce che la detrazione dall’Irpef delle spese sostenute per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio può essere fruita anche dal futuro acquirente di un immobile a condizione che sia stato stipulato e regolarmente registrato un contratto preliminare di vendita dell’unità immobiliare.   Più in generale, per beneficiare dell’agevolazione è necessario che alla data di presentazione della dichiarazione dei redditi nella quale il contribuente si avvale della detrazione siano stati registrati il preliminare di acquisto o il rogito.   Inoltre, è necessario che l’acquirente sia stato immesso..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/11/2019 – L’Agenzia delle Entrate spiega come utilizzare in compensazione il bonus per la ristrutturazione degli impianti calcistici.   Infatti, con la Risoluzione 95/2019, ha istituito il codice di tributo “6907” per utilizzare il bonus, esclusivamente in compensazione con il modello F24, da parte delle società appartenenti alla Lega di serie B, alla Lega Pro e alla Lega nazionale dilettanti che hanno beneficiato dell’agevolazione.   Ristrutturazione impianti di calcio: come effettuare la compensazione Le Entrate hanno spiegato che per compensare il bonus sul modello F24 va indicato il nuovo codice “6907” denominato “Credito d’imposta per l’ammodernamento degli impianti calcistici - art. 1, comma 352, lettera a), della legge 27 dicembre 2017, n. 205”. Al momento di compilare il modello di pagamento il codice va inserito nella sezione “Erario” in corrispondenza delle somme indicate..
Continua a leggere su Edilportale.com

29/11/2019 - Misurare costantemente, tramite sensori, le caratteristiche dinamiche di ponti e viadotti per individuare eventuali variazioni del comportamento strutturale, ad integrazione delle periodiche attività di sorveglianza eseguite dai tecnici Anas.   È l’obiettivo di quattro bandi di gara da tre milioni di euro ciascuno, pubblicati in Gazzetta Ufficiale dall’Anas (Gruppo FS Italiane). Gli appalti, in accordo quadro, riguardano la fornitura e l’installazione di sensori accelerometrici sulle strutture portanti dei ponti.   In una nota, Anas spiega che le opere oggetto di monitoraggio strumentale sono circa 100, selezionate sulla base dell’importanza dell’itinerario servito, delle caratteristiche geometrico-strutturali nonché della posizione geografica, in relazione alla pericolosità sismica e idraulica del territorio.   Le misure acquisite dai sensori accelerometrici saranno analizzate da un..
Continua a leggere su Edilportale.com