Flash News: Edilizia

18/09/2020 - Negli edifici plurifamiliari come i condomìni i rumori provocati dal calpestio o dall’urto (caduta di oggetti e spostamento di mobili) causano la maggior parte dei problemi tra i vari condòmini. Il rumore da calpestio e da urto si propagano per via solida attraverso le strutture verticali e orizzontali dell’edificio. Per minimizzare la trasmissione del rumore  tra due ambienti si deve agire con interventi di fonoisolamento, che hanno l’obiettivo di interrompere la continuità delle strutture connesse solidamente tra loro, come l’interposizione di uno strato isolante e separatore: il materassino anticalpestio. Materassino anticalpestio, quali caratteristiche possiede? La rigidità dinamica è la risposta elastica del materiale quando è sottoposto a compressione ossia la capacità del materiale di smorzare le vibrazioni che si creano quando il pavimento è sollecitato dal calpestio, dalla..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/09/2020 - Il Consiglio Regionale della Calabria ha approvato le nuove procedure per la denuncia, il deposito e l’autorizzazione di interventi di carattere strutturale e per la pianificazione territoriale in prospettiva sismica.   Ne dà notizia l’assessore alle Infrastrutture, Pianificazione, sviluppo territoriale, Pari opportunità, Domenica Catalfamo.   Il testo di legge arriva al termine di un complesso iter che ha visto la partecipazione attiva di tutti gli Ordini professionali interessati e della competente Commissione Regionale e recepisce il DL Sblocca Cantieri (DL 32/2019 convertito con la Legge 55/2019) che ha aggiunto al Testo Unico Edilizia (DPR 380/2001) l’art. 94-bis che classifica gli interventi strutturali in zone sismiche in base alla rilevanza nei riguardi della pubblica incolumità.   Calabria, approvata la legge per l’autorizzazione sismica La legge calabrese consentirà una notevole semplificazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/09/2020 – La richiesta di sanatoria edilizia può bloccare l’ordine di demolizione di un abuso edilizio. Lo ha spiegato il Tar Lazio, che con la sentenza 9122/2020 ha comunque specificato che si tratta di una sospensione provvisoria, utile a dare al Comune il tempo di valutare l’istanza di sanatoria e “salvare” l’opera o confermarne la demolizione.   Abusi edilizi, il caso Il caso preso in esame è sorto dopo la compravendita di un terreno a uso agricolo, su cui il precedente proprietario aveva realizzato due unità immobiliari, con annessa veranda, per sopperire ad esigenze abitative indifferibili.   Le unità immobiliari si trovavano in un nucleo di “edilizia spontanea”, realizzato a partire dagli anni Settanta, che aveva dato luogo ad un insediamento abusivo.   L’acquirente nel 2004 aveva presentato domanda di condono edilizio ai sensi della Legge 326/2003. Il Comune, però,..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/09/2020 – Il Decreto Semplificazioni è legge, ma per spiegare i suoi effetti, molte norme, pensate per la velocizzazione dei lavori e l’apertura di nuovi cantieri, devono essere completate con l’adozione di decreti attuativi.   Per l’adozione di questi decreti sono definite tempistiche diverse. Si va da 30 giorni dall’approvazione della legge Semplificazioni, quindi metà ottobre, fino alla fine del 2020. Le indicazioni costituiscono la deadline entro la quale varare le regole attuative, ma non si può escludere che il Governo sia più veloce.   In tutto, i decreti attuativi su cui l’Esecutivo deve mettersi immediatamente al lavoro, sono 66. Di questi, alcuni riguardano da vicino il settore degli appalti e delle costruzioni.   Fondo per la prosecuzione delle opere pubbliche La Legge Semplificazioni (L.120/2020) ha introdotto il Fondo per la prosecuzione delle opere pubbliche di importo pari o superiore..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/09/2020 - Il ‘Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare’ prende forma: la ministra delle Infrastrutture e Trasporti, Paola De Micheli, di concerto con i Ministri Roberto Gualtieri (Mef) e Dario Franceschini (Mibact), ha firmato il decreto che dispone l’erogazione dei finanziamenti e fissa le procedure per la presentazione delle proposte.   Il Programma prevede l’investimento di 853,81 milioni di euro fino al 2033 per promuovere processi di rigenerazione di ambiti urbani specificamente individuati al fine di concorrere alla riduzione del disagio abitativo e insediativo, con particolare riferimento alle periferie, e all‘incremento della qualità dell’abitare e di parti di città, all’incremento dell’edilizia residenziale pubblica.   Qualità dell’abitare: cosa prevede il Piano nazionale La selezione delle proposte sarà guidata da cinque linee d’azione: 1...
Continua a leggere su Edilportale.com

17/09/2020 – Il vetro può essere utilizzato come materiale strutturale; con esso, infatti, è possibile realizzare facciate in grado di assicurare elevati standard e un grande apporto di luce naturale.   Grazie al vetro è possibile realizzare facciate continue dal grande impatto visivo ed estetico. Una facciata strutturale in vetro, se progettata e dimensionata con cura, consente di sfruttare al massimo i benefici della luce e migliorare il comfort dell’intero edificio.   Facciate strutturali vetrate Nelle facciate vetrate continue la superficie in vetro viene connessa alla struttura portante; questa soluzione presenta un'elevata complessità funzionale perché deve assolvere i compiti che tradizionalmente sono svolti dalla parete perimetrale e dagli infissi esterni.   Un esempio è offerto da Schüco FW 50+ SG che permette di creare facciate dall’effetto uniforme grazie all’utilizzo di profili..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/09/2020 – La pandemia da Covid-19 ha costretto molte città a sperimentare adattamenti e misure di emergenza per consentire distanziamento e sopravvivenza della vita urbana. È necessario, però, modificare alla base il modello di sviluppo, puntando ad una nuova forma di pianificazione non dirigista e integrata con il digitale.   Queste alcune delle considerazioni del professor Alessandro Balducci del Politecnico di Milano intervenuto al 28mo Forum “Après le déluge” organizzato da Scenari Immobiliari e tenutosi l’11 e il 12 settembre a Santa Margherita Ligure.     Coronavirus: il ruolo delle città durante la pandemia Secondo Balducci “le città sono state in prima linea nel far fronte alla crisi, come soggetti più vicini al cittadino, che hanno dovuto rispondere ai bisogni della popolazione, far rispettare le drammatiche chiusure imposte dal lockdown, promuovere la riapertura..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/09/2020 – L’acquisto di un ascensore da destinare al luogo di lavoro per permettere il corretto distanziamento imposto dall’emergenza sanitaria fruisce del credito d’imposta per l'adeguamento degli ambienti di lavoro?   La Risposta 361/2020 fornita dall’Agenzia delle Entrate chiarisce questo punto ad una società che voleva far concorrere al beneficio le spese relative all’ulteriore ascensore necessario per adeguare il servizio alle aspettative e alle esigenze della clientela.   Per l’istante è possibile rientrare fra i beneficiari del bonus, considerando che le prescrizioni sanitarie e le misure di contenimento contro la diffusione del Covid-19, disciplinate dal DPCM del 17 maggio 2020, prescrivono che “l’utilizzo degli ascensori dev'essere tale da consentire il rispetto della distanza interpersonale, pur con la mascherina, prevedendo eventuali deroghe in caso di componenti dello stesso nucleofamiliare/gruppo..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/09/2020 – Il professionista che, per esercitare la propria attività, prende in subaffitto una stanza da adibire a studio all’interno di un immobile, può usufruire del credito di imposta del 60% sui canoni di locazione.   Con la risposta 356/2020, l’Agenzia delle Entrate ha spiegato che l’agevolazione, introdotta dal Decreto Rilancio per contenere gli effetti della crisi causata dall’emergenza Coronavirus, si applica anche ai contratti di sublocazione.   Credito di imposta 60% per gli affitti Ricordiamo che il Decreto Rilancio (L. 77/2020) ha introdotto un credito di imposta del 60% sui canoni di locazione degli immobili non abitativi, utilizzati per l’esercizio della professione o dell’attività di impresa. Vi accedono i professionisti con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro nel periodo d'imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/09/2020 – Possono ottenere il Superbonus 110% i lavori di efficientamento energetico e messa in sicurezza antisismica “leggermente abusivi” e quelli realizzati sugli immobili non ancora condonati.   Lo ha spiegato la Direzione regionale delle Marche dell’Agenzia delle Entrate, con la consulenza giuridica 910-1/2020, al Collegio dei geometri di Ancona.   Nella consulenza, l’Agenzia delle Entrate ha spiegato i meccanismi che possono far perdere la detrazione alla luce della normativa che regola il Bonus ristrutturazioni. Si tratta però di regole generali che possono essere replicate anche per il Superbonus.   Superbonus e abusi lievi, il dubbio I geometri hanno segnalato che una delle condizioni per usufruire del bonus ristrutturazioni è la regolarità degli interventi edilizi, tanto che la detrazione viene revocata nel caso di opere difformi da quelle comunicate.   Ma cosa accade se le opere da realizzare..
Continua a leggere su Edilportale.com

16/09/2020 - La scelta dei serramenti deve essere basata non soltanto sull'estetica ma anche sul livello di benessere che si desidera raggiungere nella propria abitazione, come quello acustico e termico, e sulla certezza di acquistare un prodotto che sia conforme alla normativa in vigore. In commercio esistono svariate tipologie di serramenti e i principali materiali utilizzati per i telai sono il legno, l’alluminio, il PVC, l’acciaio e materiali misti. Dal 2010 serramenti, finestre, portefinestre e finestre da tetto devono possedere obbligatoriamente la marcatura CE per poter essere commercializzati all'interno dell'area economica europea (EEA). Tale marcatura CE certifica che il prodotto possiede le caratteristiche e i requisiti prestazionali come definiti dalla norma UNI EN 14351 – 1, che sono: permeabilità all’aria, tenuta all’acqua, resistenza al carico di vento, isolamento acustico, isolamento..
Continua a leggere su Edilportale.com

16/09/2020 - Il Ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, ha firmato il decreto che fissa la tariffa agevolata per l’autoconsumo collettivo e per le comunità energetiche da fonti rinnovabili.   Lo scopo del provvedimento è quello “di favorire la transizione energetica ed ecologica del sistema elettrico del Paese, con benefici ambientali, economici e sociali per i cittadini” - spiega il Ministero.   Il decreto rende operativa una misura introdotta nel dicembre 2019 con il Milleproroghe che, anticipando l’attuazione di una direttiva europea, consente di costituire l’autoconsumo collettivo, attivabile da famiglie e altri soggetti che si trovano nello stesso edificio o condominio, e le comunità energetiche, a cui possono partecipare persone fisiche, PMI, enti locali, ubicati in un perimetro più ampio rispetto a quello dei condomini. La misura è strutturata per promuovere l’autoconsumo..
Continua a leggere su Edilportale.com

16/09/2020 – Via libera a tre nuove lauree professionalizzanti: professioni tecniche per l'edilizia e il territorio (LP-01), professioni tecniche agrarie, alimentari e forestali (LP-02), professioni tecniche industriali e dell'informazione (LP-03).   È stato, infatti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 12 agosto 2020 che definisce le modalità per l’attivazione dei tre percorsi a orientamento professionale.   Lauree professionalizzanti: cosa prevede il decreto Il decreto prevede che le Università, escluse quelle telematiche, possano attivare i corsi professionalizzanti in stretta collaborazione con il mondo del lavoro; i corsi, infatti, dovranno prevedere attività laboratoriali a cui destinare almeno 48 CFU.   Lo svolgimento delle attività laboratoriali può avvenire, previa stipula di apposite convenzioni, anche presso qualificate strutture pubbliche o private esterne alle università, incluse..
Continua a leggere su Edilportale.com

16/09/2020 – È entrata in vigore ieri, dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, la Legge 120/2020 di conversione del Decreto Semplificazioni.   Fino al 31 dicembre 2021 saranno operative procedure semplificate per l’affidamento degli incarichi di progettazione e dei lavori. Con degli interventi sul testo Unico dell’edilizia (Dpr 380/2001) cambia la definizione di ristrutturazione edilizia, che sarà consentita anche con diversa sagoma, e vengono liberalizzati alcuni interventi di demolizione e ricostruzione, prima non consentiti. La legge contiene inoltre disposizioni sulla rigenerazione urbana e la velocizzazione della demolizione delle opere abusive.   Incarichi progettazione senza gara fino a 75mila euro senza gara Fino al 31 dicembre 2021, negli appalti di servizi e forniture, compresi i servizi di ingegneria e architettura e l’attività di progettazione, è consentito l’affidamento diretto fino a 75mila..
Continua a leggere su Edilportale.com

16/09/2020 – Gli scuri e le persiane sono parte integrante della facciata dell’edificio o, invece, fanno parte di finestre e infissi? La differenza, che determina la possibilità di accedere al bonus facciate, è stata spiegata dall’Agenzia delle entrate con la risposta 346/2020.   Bonus facciate, scuri e persiane, il caso Un contribuente si è rivolto all’Agenzia delle Entrate per sapere se la riverniciatura di scuri e persiane potesse essere agevolata con il bonus facciate. A suo avviso, gli scuri e le persiane, rappresentando una parte accessoria ed integrante della facciata e contribuendo al suo decoro, dovrebbero essere ammessi alla detrazione. SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL BONUS FACCIATE     No al bonus facciate per scuri e persiane L’Agenzia delle Entrate ha spiegato che, per poter ottenere il bonus facciate, gli interventi devono essere realizzati sulle strutture opache della facciata, su balconi..
Continua a leggere su Edilportale.com

16/09/2020 – Quali requisiti sono richiesti alle caldaie a condensazione per poter fruire dell’agevolazione? Quali vantaggi produrrà in termini economici il miglioramento dell’edificio-impianto? Come muoversi tra le procedure?   Il webinar, organizzato da Edilportale con la collaborazione di Samsung Climate Solutions, brand di Samsung, dal titolo “Il superbonus 110% per caldaie a condensazione” risponderà a queste e ad altre domande e offrirà spunti interessanti sulla questione.   Iscriviti all’evento Interverranno: Domenico Prisinzano, Ingegnere Dipartimento Unità Efficienza Energetica di ENEA   Roberto Nidasio, Project Leader del CTI  Stefano Casandrini, Vice Presidente Assotermica    Modera Alessandra Marra, redazione Edilportale   Superbonus 110%: cosa prevede Il superbonus 110% può essere utilizzato dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 (30..
Continua a leggere su Edilportale.com

15/09/2020 – Per il rilascio del permesso di costruire non è sufficiente che l’area in cui si vuole edificare risulti già urbanizzata. Se il PRG prevede che sia adottato preventivamente un piano di lottizzazione, non si può pretendere di ottenere alcuna autorizzazione.   Il Tar Campania, con la sentenza 2476/2020, ha spiegato i meccanismi da seguire per la realizzazione di uno o più edifici in una determinata area.   Permesso di costruire, il caso I giudici si sono pronunciati sul ricorso contro il provvedimento con cui un Comune aveva rigettato la richiesta di permesso di costruire.   Nella motivazione del rigetto, il Comune aveva spiegato che, nonostante il lotto interessato dall’intervento si inserisse in un’area urbanizzata, esso rientrava in una zona residenziale di espansione, all’interno della quale non era stata realizzata nessuna opera di urbanizzazione e si trovavano solo due fabbricati di antica..
Continua a leggere su Edilportale.com

15/09/2020 – Con il Superbonus 110%, la ripresa del settore edile si coniuga con la sostenibilità. La misura, cui il Governo intende dare un orizzonte temporale più lungo, necessita di controlli per garantire l’indipendenza dei professionisti e la qualità delle opere che saranno realizzate grazie al nuovo strumento.   Sono questi gli obiettivi su cui il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (Cnappc) e alcuni esponenti dell’Esecutivo si sono confrontati ieri durante il convegno “Superbonus 110%: una nuova opportunità per professionisti e imprese”.   Superbonus 110%, Cnappc: inciderà positivamente sulle costruzioni Il Superbonus, ha esordito Giuseppe Cappochin, Presidente del Cnappc, è uno strumento in grado di avviare interventi di efficientamento energetico nel settore delle costruzioni, incidendo anche positivamente sul mercato del lavoro dei professionisti...
Continua a leggere su Edilportale.com

15/09/2020 – I lavori su una parete perimetrale dell’edificio, visibile solo parzialmente dalla strada, possono essere agevolati con il bonus facciate? Con la risposta 348/2020, l’Agenzia delle Entrate ha spiegato i concetti di facciata interna ed esterna, ma anche quello di visibilità dalla strada.   Bonus facciate, il caso L’Agenzia delle Entrate è stata interpellata da un condominio situato in zona A, che aveva deliberato la realizzazione di lavori di restauro e ripristino delle strutture opache, dei balconi e dei fregi della facciata posteriore dell'edificio.   Dal momento che la facciata posteriore faceva parte del perimetro esterno ed era solo parzialmente visibile perché non si affacciava direttamente sulla strada, il condominio non era sicuro che le spese sostenute potessero usufruire del bonus facciate.   Bonus facciate per pareti parzialmente visibili L’Agenzia delle Entrate, dopo aver ripercorso..
Continua a leggere su Edilportale.com

15/09/2020 – Cosa accade al Superbonus 110% nel caso in cui vengano rilasciate attestazioni o asseverazioni infedeli? Su quali soggetti ricade la responsabilità se dovesse emergere che il contribuente non avrebbe dovuto usufruire del beneficio fiscale?   A chiederlo, in un’interrogazione in Commissione finanze della Camera, l’Onorevole Giovanni Currò. La risposta è arrivata dal Sottosegretario di Stato per l'economia e le finanze, Alessio Mattia Villarosa.   Superbonus 110%: cosa accade in caso di difformità dopo i controlli Il sottosegretario Villarosa ha spiegato che i destinatari degli esiti del controllo sono i beneficiari della detrazione (i soggetti che sostengono le spese agevolate); nel caso di concorso nella violazione anche i fornitori in solido.   Villarosa ha ricordato che il Provvedimento 8 agosto 2020 disciplina l'attività di controllo disponendo che, “qualora sia accertata la mancata..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/09/2020 - Decisa l’essenza, la finitura e la lavorazione, il processo di scelta del parquet non è ancora concluso. In fase di ordine bisogna prendere un’altra importantissima decisione: lo schema di posa. Lo schema di posa condizionerà in modo preponderante la resa estetica finale di tutta la casa. Scegliere uno schema anziché un altro serve a valorizzare l’ambiente, a donare un tocco di prestigio ed eleganza, oppure di praticità e funzionalità. Nella scelta dello schema di posa si deve tener conto di alcuni aspetti, legati essenzialmente allo sviluppo planimetrico della casa: - la direzione dell’illuminazione naturale; - la posizione dell’ingresso; - la presenza di spazi stretti come i corridoi; - la presenza di muri a squadro o fuori squadro. La direzione dell’illuminazione naturale potrebbe definire l’aspetto prevalente. Il parquet dovrebbe essere posato seguendo la direzione dei raggi del sole..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/09/2020 – La vendita di un immobile, che successivamente sarà demolito per la costruzione di un nuovo fabbricato, non può essere qualificata e tassata come cessione di terreno edificatorio.    Ad affermarlo l’Agenzia delle Entrate nella Risposta 331/2020.   Cessione di un fabbricato: ai fini fiscali non conta la 'futura demolizione' L’Agenzia, come già evidenziato nella Circolare 23/2020, ha chiarito che nella cessione di edificio, la pattuizione delle parti di demolire e ricostruire, anche con ampliamento di volumetria, non può essere riqualificata come cessione di terreno edificabile; l’oggetto della cessione a titolo oneroso resta un edificio e non un terreno con potenzialità edificatoria.    Tale interpretazione ha ripreso quanto esplicitato della Cassazione: “ai fini dell'imponibilità della plusvalenza, se oggetto del trasferimento a titolo oneroso è..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/09/2020 – Si può chiedere il permesso di costruire in sanatoria contestualmente ad una variante in corso d’opera? Il Consiglio di Stato, con la sentenza 5288/2020, ha spiegato che in linea generale la risposta è sì, ma bisogna accertare che le due richieste siano autonome.   La variante, in sostanza, non deve essere una scappatoia per realizzare in modo legittimo delle opere che, altrimenti, contrasterebbero con i permessi già rilasciati.   Sanatoria e variante, il caso Il caso riguarda il proprietario di un terreno, che aveva realizzato un complesso immobiliare in difformità dai permessi rilasciati. Il responsabile dell’intervento aveva in seguito richiesto il permesso di costruire in sanatoria e, contestualmente, anche la variante in corso d’opera di alcuni interventi. Entrambe le richieste erano state accettate dal Comune, ma annullate dal Tar.   Il Tar ha affermato, da una parte, che alcune opere..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/09/2020 – No al Superbonus 110% se l’edificio è suddiviso in più unità immobiliari ma appartiene ad un unico proprietario. Lo ha ribadito l’Agenzia delle Entrate con la risposta 329/2020. Ma questo limite vale per tutti i lavori agevolati dalla detrazione maggiorata?   Leggendo il Decreto Rilancio, che ha introdotto il Superbonus 110%, e la Circolare 24/E, con cui l’Agenzia delle Entrate ha fornito i primi chiarimenti, qualche dubbio resta.   Superbonus 110% e edifici con proprietario unico L’Agenzia delle Entrate, con la risposta 329/2020, si è pronunciata sulla domanda presentata da un contribuente, comproprietario insieme al coniuge e ai figli di un edificio composto da tre appartamenti, un magazzino e un garage autonomamente accatastati.   Il contribuente, interessato a sapere se potesse ottenere il Superbonus 110%, ha ottenuto risposta negativa dall’Agenzia delle Entrate che, confermando la propria..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/09/2020 – Nell’ambito della transizione verde, elemento cardine del Recovery Plan italiano per uscire dalla crisi post Coronavirus, un ruolo predominante sarà giocato dal potenziamento del Superbonus 110%.   Durante un’audizione, svolta la scorsa settimana in Commissione Attività Produttive della Camera, il Ministro per lo Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, ha annunciato la stabilizzazione del Superbonus almeno per un triennio.   Superbonus 110% almeno fino al 2024 Secondo Patuanelli, per favorire gli interventi di efficientamento energetico e conseguire la “transizione verde”, il Superbonus potrebbe essere stabilizzato per un triennio dopo il 2021. Questo significa che si potrebbe usufruire delle detrazioni maggiorate fino al 2024.   Le affermazioni del Ministro sono abbastanza in linea con quanto dichiarato nei giorni scorsi in un’intervista al quotidiano “La Stampa”, durante la quale Patuanelli..
Continua a leggere su Edilportale.com