Flash News: Edilizia

18/06/019 - Il mercato della progettazione a maggio si mantiene su valori alti: infatti nel mese sono state bandite 249 gare (di cui 63 sopra soglia), con un valore di 54,7 milioni di euro (45,3 sopra soglia); rispetto al precedente mese di aprile il numero sale del 36,8% e il valore del 5,4%. Il confronto con maggio 2018 vede il numero crescere del 25,1% e il valore del 162,9%, da considerare che a maggio si è raggiunto il valore più basso del 2018.   I dati dei primi cinque mesi 2019, sempre per la sola progettazione, mostrano il valore ancora in forte crescita: nei cinque mesi le gare sono state 1.113 (292 soprasoglia) per un valore di 289,2 milioni di euro (247,8 sopra soglia), il valore cresce del 42,4%, ma il numero cala del 15,9%. L’andamento positivo del mercato è dovuto ai bandi sopra soglia che crescono del 37,7% in numero e dell’83,7% in valore, mentre i bandi sotto soglia crollano, -26,1% in numero e -31,8% in valore.   Secondo..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/06/2019 - L’arrivo del grande caldo con temperature superiori ai 30 gradi fa spesso scattare la corsa ai condizionatori. Per facilitarne un uso efficiente, ottimizzando il raffrescamento e salvaguardando il comfort senza surriscaldare le bollette, l’ENEA fornisce 10 indicazioni pratiche che consentono di ottenere benefici ambientali e risparmi fino al 7% sul totale della bolletta elettrica.   Attenzione alla classe energetica Il primo suggerimento per l’uso ‘intelligente’ dell’aria condizionata nasce dalla scelta del condizionatore: sono da preferire i modelli in classe energetica A o superiore, che comportano un risparmio sulla bolletta elettrica e una riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera. Un nuovo condizionatore di classe A consuma all’anno circa il 30% in meno rispetto a un vecchio modello di classe C, con una riduzione equivalente di emissioni di CO2.   Preferite gli inverter In fase di acquisto preferire apparecchi..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/06/2019 - Il contribuente che ha ereditato un immobile e, con esso, il diritto a fruire delle quote residue di detrazione per i lavori di recupero edilizio realizzati dal de cuius, perde tale diritto se concede l’immobile in comodato.   È questa la risposta data dall’Agenzia delle Entrate, attraverso la Posta di FiscoOggi, ad un utente che chiedeva se l’erede che concede in comodato l’immobile perde il diritto alla detrazione delle spese di recupero edilizio sostenute dal de cuius.   L’Agenzia ricorda che, in caso di acquisizione per successione mortis causa dell’immobile su cui sono stati eseguiti lavori di recupero edilizio, le quote residue di detrazione si trasferiscono per intero esclusivamente all’erede o agli eredi che ne conservano la detenzione materiale e diretta.   SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL BONUS RISTRUTTURAZIONE In altri termini - chiarisce l’Agenzia -, l’agevolazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/06/2019 – Sta finalmente per vedere la luce il decreto FER 1 per l’incentivazione delle fonti rinnovabili elettriche. La Commissione Europea ha dato via libera al testo, giudicato in linea con gli obiettivi comunitari per l’ambiente e le regole sugli aiuti di Stato e la concorrenza.   FER 1, in arrivo il piano da 5,4 miliardi di euro Con un valore complessivo di 5,4 miliardi  di euro, e una durata fino al 2021, il piano per il sostegno alle rinnovabili incentiverà  l'eolico terrestre, il solare fotovoltaico, l'idroelettrico e il biogas.    Il testo prevede due meccanismi per l’accesso agli incentivi: l’iscrizione ai registri per gli impianti di potenza fino a 1MW, le aste per gli impianti di potenza uguale o maggiore di 1MW. Il decreto introduce inoltre incentivi maggiorati per la sostituzione delle coperture di amianto con pannelli fotovoltaici. Gli impianti di energia da rinnovabili che beneficeranno..
Continua a leggere su Edilportale.com

18/06/2019 – Entra in vigore oggi, subito dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, la Legge 55/2019 “Sblocca Cantieri”.   Da oggi, e fino al 2020, o fino alla nuova riforma del Codice Appalti, le gare dovranno seguire nuove regole, come tetto al subappalto fino al 40%, possibilità di affidamento congiunto della progettazione ed esecuzione dei lavori, procedura negoziata fino a 1 milione di euro, con soglie intermedie. Diventano inoltre meno stringenti i limiti sulle distanze tra edifici e le norme per gli interventi strutturali in zona sismica.   Queste disposizioni dovrebbero velocizzare le nuove gare d’appalto, cioè quelle che saranno bandite a partire da oggi. Ma cosa accadrà alle opere impantanate, in attesa di essere sbloccate? La soluzione non sembra immediata. Non si conoscono ancora con certezza i cantieri che usufruiranno della corsia preferenziale, spianata dalla nomina di un commissario nominato e dalle deroghe..
Continua a leggere su Edilportale.com

Demolizioni e ricostruzioni edilizie più agevoli con le norme del decreto sblocca cantieri, il 32/2019, convertito in legge e in attesa di pubblicazione sulla «Gazzetta Ufficiale». Le...

17/06/2019 - Il ‘Piano di riduzione del rischio sismico degli immobili dello Stato’ dell’Agenzia del Demanio si arricchisce di un nuovo capitolo: il bando di gara per la riqualificazione sismica di immobili di proprietà dello Stato in Calabria. Si tratta di 7 lotti che riuniscono 61 edifici, alcuni dei quali sono da considerarsi di pregio.    Con questa procedura, che segue una prima gara pubblicata a fine 2018 che riguardava 230 edifici nella stessa Calabria, saranno oggetto di audit sismico ed energetico tutti gli immobili interamente di proprietà dello Stato (a eccezione di quelli in uso al Ministero della Difesa) presenti sul territorio regionale che ricadono in zona sismica 1.   Oggetto della gara è l’affidamento dei servizi di verifica di vulnerabilità sismica, audit energetici, rilievi tecnici e progetti di fattibilità tecnico-economica (PFTE) degli immobili, per un importo complessivo a base d’asta..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/06/2019 – Cosa hanno in comune i luoghi dell’abbandono in giro per il mondo? Anche se costruiti per le funzioni più disparate, sono stati protagonisti della storia e frequentati da moltitudini di persone, per poi passare dal chiasso delle attività al silenzio più totale. Fino a quando la natura deciderà di riappropriarsene completamente.   Vediamone alcuni.   Case a cupola, Florida - USA Costruite negli anni Ottanta da un ex imprenditore per farne delle case vacanza di lusso, sono state poi abbandonate negli anni Novanta perché colpite da diversi uragani e dal processo di erosione. L’innalzamento del livello dell’acqua le sta sommergendo.  Foto: Andy Morffew [CC BY 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0)]   Fortezza marittima Maunsell, Regno Unito Si trovano sull'estuario dei fiumi Tamigi e Mersey e oggi sono un’attrazione per gli amanti della fantascienza, ma durante la..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/06/2019 - È stato registrato dalla Corte dei conti il Dpcm di adozione del primo stralcio del Piano Nazionale Invasi, finanziato dalla Legge di Bilancio 2019 con 1 miliardo di euro complessivo. Il provvedimento consentirà di realizzare 57 interventi per una spesa di 260 milioni di euro.    Dighe e invasi, gli interventi finanziati Tra i lavori finanziati, si segnalano: il rifacimento dell’acquedotto di Ascoli Piceno danneggiato dal terremoto del 2016 (27 milioni di euro), la barriera antisale dell’Adige (20 milioni di euro), lavori per il risanamento delle acque contaminate da PFAS in Veneto (9 milioni di euro), la messa in sicurezza del sistema acquedottistico Marcio-Peschiera a servizio di Roma Capitale (5 milioni di euro), numerosi interventi di messa in sicurezza di impianti irrigui in Emilia-Romagna, Sardegna, Puglia e Basilicata.   Tra le dighe e traverse, ci sono: il finanziamento aggiuntivo per i lavori della diga di Baganza..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/06/2019 – Appalti semplificati per la messa in sicurezza delle scuole, con la possibilità di ricorrere alla procedura negoziata per l'affidamento di lavori di importo fino a 5,5 milioni di euro. Lo prevede uno degli ultimi emendamenti approvati durante la discussione del disegno di legge “Crescita”, che questa settimana sarà all'esame della Camera. Nel testo sono inoltre confermati gli incentivi per la valorizzazione edilizia, lo sconto al posto di Ecobonus e Sismabonus, le assunzioni di professionisti e la maggiore deducibilità Imu per i beni strumentali, mentre resta in sospeso il Fondo “salva opere”. Edilizia scolastica, procedura negoziata per lavori fino a 5,5 milioni Per garantire la messa in sicurezza degli edifici scolastici pubblici, gli Enti Locali beneficiari di finanziamenti e contributi potranno, nel triennio 2019 – 2021, affidare le gare di importo fino alle soglie comunitarie con procedura negoziata con..
Continua a leggere su Edilportale.com

17/06/2019 - “Basta con i provvedimenti legislativi “omnibus” che, inseguendo illusori processi di semplificazione esasperata, rischiano di compromettere la visione globale di norme quadro di settore, come il Codice dei contratti o il Testo unico sull’edilizia”.   Così il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori sul decreto Sblocca Cantieri appena convertito in legge dalle Camere.   “Non condividiamo il rilancio dell’appalto integrato - afferma Rino La Mendola -  Vicepresidente del Consiglio Nazionale e Coordinatore del Tavolo Lavori Pubblici della Rete delle Professioni Tecniche, in quanto è una procedura  che, inseguendo un illusorio processo di semplificazione,  relega il progetto ad un ruolo marginale nel processo di esecuzione delle opere pubbliche, alimentando varianti in corso d’opera,  contenziosi  e  nuove opere incompiute sul territorio,..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/06/2019 - Si è concluso ieri a Genova Edilportale Tour 2019 che nel corso delle 20 tappe ha fatto bilanci e previsioni sull’edilizia italiana.   Nella cornice del Teatro Carlo Felice, i lavori sono stati introdotti da Juri Franzosi, responsabile FIDEC e direttore Ance Varese, che ha suggerito alla platea di puntare sul lavoro di squadra tra tutti i protagonisti del settore edile.   Subito dopo, Filippo delle Piane, Vicepresidente ANCE e Presidente ANCE Genova, ha illustrato lo stato della filiera edile, spesso bloccata dalla burocrazia. Secondo Delle Piane, i progettisti non dovrebbero aspettarsi una semplificazione delle norme prima di rinnovare il proprio lavoro perché tale semplificazione potrebbe anche non arrivare.   Piuttosto, ha suggerito ai progettisti e alle imprese edili di fare l’identikit dei futuri clienti per cercare di adeguare le proposte ai reali bisogni.   Una esperienza in questo senso è stata raccontata..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/06/2019 - “È un provvedimento importante e siamo molto soddisfatti dell’impegno profuso dal governo per il rilancio delle opere pubbliche, ma non possiamo parlare di successo. Ancora molto deve essere fatto per tutelare il lavoro di architetti e ingegneri liberi professionisti”.   Con queste parole il Presidente di Fondazione Inarcassa, Egidio Comodo, ha commentato il contenuto del DL Sblocca-Cantieri.   La Fondazione architetti e ingegneri liberi professionisti iscritti Inarcassa ha seguito con particolare interesse gli sviluppi del decreto fin dalle prime bozze, intervenendo anche in audizione al Senato sull’attuazione del Codice degli appalti.   Seppur dopo alcuni ripensamenti, è stata accolta nel testo definitivo la richiesta dell’abolizione dell’incentivo del 2% ai dipendenti della pubblica amministrazione, misura rivendicata fin da subito dalla Fondazione: “l’incentivo ai dipendenti interni alla..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/06/2019 - Con la conversione in legge del Decreto Sblocca Cantieri, può partire il conto alla rovescia per individuare gli interventi prioritari e nominare i Commissari straordinari che dovranno garantire una realizzazione veloce e senza intoppi. Ma quali saranno effettivamente le opere prioritarie che si sbloccheranno? Su questo punto il dialogo politico sembra ancora in corso e stanno circolando diverse ipotesi.   Opere prioritarie, decreti entro 180 giorni Durante la discussione alla Camera, la deputata PD Sara Moretto ha lamentato che non è chiaro se le opere prioritarie “siano quelle definite dagli attuali strumenti di programmazione o se ve ne siano altri e altri ancora che verranno discrezionalmente individuati". Effettivamente un elenco ufficiale delle opere da completare non c'è mai stato. Lo Sblocca Cantieri prevede che, entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore della legge, siano adottati uno..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/06/2019 – Modifiche alla disciplina delle distanze tra edifici, commissari per il risanamento dei condomìni degradati, investimenti per l’installazione delle colonnine di ricarica per le auto elettriche e allungamento dei termini per consentire la realizzazione degli interventi di messa in sicurezza di scuole e strade nei piccoli Comuni. Sono le misure per favorire la rigenerazione urbana contenute nello Sblocca Cantieri, che ieri sera è stato convertito in legge.   Distanze tra edifici, limiti solo per le zone C Le distanze minime tra edifici, previste dall'articolo 9, commi 2 e 3, del DM 1444/1968, si applicheranno obbligatoriamente solo alle zone C di espansione. Nelle altre zone, ogni Ente potrà decidere quali regole seguire.   Gli interventi di demolizione e ricostruzione saranno consentiti nel rispetto delle distanze legittimamente preesistenti, assicurando la coincidenza dell'area di sedime, del volume e dell’altezza..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/06/2019 – Dopo una lunga gestazione, con il via libera della Camera è stato convertito definitivamente in legge lo Sblocca Cantieri, che contiene una serie di novità per lo svolgimento delle gare d’appalto. Tetto al subappalto, fissato al 40%, procedura negoziata fino a 1 milione di euro, libertà, per le Stazioni Appaltanti, di scegliere il criterio di aggiudicazione e, in presenza di idonei requisiti, di effettuare la verifica preventiva della progettazione sono alcune delle modifiche al Codice Appalti.   C’è poi il capitolo degli interventi strutturali in zona sismica che, anche se non incide direttamente sul Codice Appalti, è stato pensato per velocizzare la realizzazione dei lavori, semplificando la vita di progettisti, imprese e uffici amministrativi.   Criteri di aggiudicazione, scelta autonoma Non ci sarà l’obbligo di affidare i lavori di importo fino a 5,5 milioni di euro secondo il criterio del..
Continua a leggere su Edilportale.com

14/06/2019 - La realizzazione di infrastrutture di collegamento e, più in generale, di opere pubbliche contribuisce alla crescita ed alla modernizzazione di un Paese. L’Italia sembra avere abdicato, almeno in parte, a questo tipo di intervento: tra il 2008 ed il 2018 gli investimenti pubblici in opere stradali e del Genio Civile hanno registrato una flessione del 21%.   Non abbiamo recuperato i livelli di spesa pre-crisi 2008, anzi siamo ancora ai livelli di spesa che si registravano in Italia nel 2002. Siamo anche lontani dagli standard dei principali Paesi europei, dove la quota di investimenti pubblici nel settore dei trasporti supera il 20% del totale investimenti pubblici mentre in Italia si attesta attualmente al 17%.   Sullo stesso sentiero di ridimensionamento si muovono gli investimenti per altre opere pubbliche (impianti idrici, energetici, interventi di urbanizzazione, telecomunicazioni), la cui spesa tra il 2008 ed il 2017 ha registrato una flessione..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/06/2019 – Molto spesso chi possiede grandi terrazzi o ampi giardini ha intenzione di realizzare strutture esterne, come tettoie e pergole, per attrezzare meglio lo spazio esterno. Questo genere di strutture, però, richiede spesso delle autorizzazioni che variano a seconda del tipo di struttura che si installa e del contesto in cui è inserito il manufatto.   Realizzare tettoie e pergolati: la normativa Poiché le autorizzazioni per la costruzione di pergolati, pensiline, tettoie e verande variano da Comune a Comune, è bene consultare il Regolamento Edilizio del proprio Comune e richiedere la consulenza di un tecnico abilitato per il proprio caso specifico. A livello nazionale ci sono alcune norme che hanno fornito delle linee guida in questo senso, anche se le Regioni possono ampliare o ridurre l’ambito applicativo delle disposizioni. Il Regolamento edilizio tipo che contiene le 42 definizioni uniformi..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/06/2019 - L’edilizia del futuro si baserà sulla condivisone e sul lavoro di squadra tra i protagonisti del settore. A dichiararlo il Presidente della Commissione Permanente di studio sulla Rigenerazione e Sostenibilità Urbana ANCE Torino, Marco Rosso, in apertura della tappa torinese di Edilportale Tour 2019.   Rosso ha messo in evidenza come oggi le nuove generazioni, più propense alla sharing economy, preferiscano scegliere dove vivere in base ai servizi offerti piuttosto che al valore dell’immobile in sè. Da questo si evince come la rigenerazione delle città deve comprendere la demolizione e la ricostruzione di edifici presenti nel tessuto fitto della città.   Anche l’architetto Marco Piva, fondatore dello Studio Marco Piva, ha messo in evidenza l’importanza per i progettisti di fare squadra di fronte alla complessità di un progetto architettonico. Nel suo intervento ha illustrato tre suoi..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/06/2019 - Le diverse forme di turismo hanno assunto dimensioni gigantesche e in forte crescita, superiore a tutte le previsioni. Metà dei flussi turistici - complessivamente circa 1,4 miliardi di persone all’anno - sono indirizzati verso l’Europa e di questi una larga fetta verso l’Italia. Per le nostre città tutto ciò può rappresentare una grande ricchezza ma anche grandi rischi di diminuzione della qualità della vita e rovina degli stessi beni tutelati. Serve quindi definire strategie e azioni per rendere compatibile questo fenomeno con la preservazione non solo del patrimonio architettonico storico ma anche dell’identità e della cultura che esso rappresenta.   È quanto emerso dal Forum mondiale “Overtourism and Heritage” organizzato dall’UIA, l’Unione Internazionale degli Architetti, sotto l’egida di UNESCO e tenutasi nella capitale dell’Azerbaijan, al termine del..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/06/2019 - Continuano le operazioni legate al ‘Piano di riduzione del rischio sismico degli immobili dello Stato’ gestito dall’Agenzia del Demanio. Ultimo in ordine di tempo è il bando di gara per la riqualificazione sismica in Friuli Venezia Giulia, pubblicato ieri.   Si tratta di aggiudicare l’affidamento di audit sismico ed energetico, rilievi, progettazione e piano di fattibilità tecnico-economica (PFTE) in modalità BIM di 28 edifici, suddivisi in 5 lotti nelle province di Gorizia, Pordenone e Udine con un importo complessivo a base d’asta di 1.261.164,19 euro.   Riqualificazione sismica, gli edifici interessati dal bando Dei 28 interessati dal bando, tre sono quelli di rilievo: la caserma di Pubblica Sicurezza di via Lequio a Tolmezzo (Ud) costruita a inizio Novecento in stile Liberty; la caserma dei Carabinieri di via della Cooperativa, sempre a Tolmezzo (Ud), una palazzina tutelata che risale al..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/06/2019 – Le sorti dell’Ecobonus e del Bonus Ristrutturazioni possono essere determinate dalla categoria catastale degli immobili su cui sono effettuati gli interventi. Con l’ordinanza 13043/2019, la Cassazione ha ribadito che i bonus spettano per i lavori di riqualificazione energetica e ristrutturazione degli immobili esistenti, mentre sono esclusi in presenza di lavori di completamento.   Bonus Casa e immobili in fase di completamento La Cassazione si è pronunciata sul caso di un contribuente, che in fase di dichiarazione dei redditi aveva richiesto le detrazioni fiscali per degli interventi di efficientamento energetico e ristrutturazione edilizia. Il Fisco non aveva riconosciuto i bonus perché l’edificio su cui erano stati realizzati gli interventi era censito in Catasto nella categoria F3, cioè “immobile in costruzione”.   L’Agenzia delle Entrate aveva spiegato che, diversamente da quanto previsto nelle..
Continua a leggere su Edilportale.com

13/06/2019 – Torna l’appalto integrato, vengono ridefiniti i contenuti della progettazione, che dovrà essere più attenta ai temi del riuso del patrimonio edilizio esistente, e accorciate le distanze tra la progettazione e realizzazione e gestione dell’opera. Chi ha realizzato il progetto a base di gara potrà infatti partecipare alla gara per l’affidamento o la concessione dei lavori.   Sono le principali novità in arrivo con lo Sblocca Cantieri, su cui ieri sera il Governo ha ottenuto la fiducia alla Camera.   Appalto integrato fino al 2020 Fino al 31 dicembre 2020 sarà consentito l’affidamento congiunto della progettazione ed esecuzione dei lavori. Ricordiamo che il Codice Appalti del 2016 aveva vietato l'appalto integrato per tutelare la qualità della progettazione.   Le imprese di sola costruzione potranno dimostrare i requisiti per la partecipazione a queste gare attraverso un progettista..
Continua a leggere su Edilportale.com

12/06/2019 – Prosegue l’attuazione del ‘Piano di riduzione del rischio sismico degli immobili dello Stato’ avviato a fine 2018 dal Demanio; ieri, infatti, è stato pubblicato un nuovo bando che coinvolge 25 edifici della Lombardia.   Riqualificazione sismica: i 25 edifici interessati Si tratta di un singolo lotto che coinvolge nel complesso 25 edifici distribuiti tra le province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lecco, Mantova e Milano.   Tra gli immobili di maggiori dimensioni e consistenza si evidenziano la Questura in via Fatebenefratelli e la Corte dei Conti in via Marina, entrambi a Milano, la ex Caserma Ergastolo in Piazza Virgiliana a Mantova e la Caserma Tito Speri in via Monte Grappa a Brescia.   Antisismica: le gare per la riqualificazione sismica Oggetto della gara è l’affidamento dei servizi di verifica di vulnerabilità sismica, audit energetici, rilievi tecnici e progetti di fattibilità tecnico-economica..
Continua a leggere su Edilportale.com

12/06/2019 – L’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione di professionisti e imprese la versione definitiva del software “Il tuo Isa” che consente di calcolare il proprio indice sintetico di affidabilità fiscale e beneficiare, in funzione del valore raggiunto, di una serie di vantaggi.   Tra questi vantaggi c’è l’esclusione dagli accertamenti di tipo analitico-presuntivo, la riduzione dei termini per l’accertamento e l’esonero dall’apposizione del visto di conformità per la compensazione dei crediti d’imposta.   Indici di affidabilità fiscale: ecco come funziona il software Il programma, che calcola l’indice sintetico di affidabilità fiscale per tutti gli Isa approvati, consente di: caricare i dati forniti dall’Agenzia, creare una nuova posizione (o aprire una posizione precedentemente salvata), inserire i dati necessari per il calcolo e preparare la posizione..
Continua a leggere su Edilportale.com